Passa ai contenuti principali

Come Deve Apparire La Tua Azienda Su Facebook

Tutti sappiamo i numeri di Facebook, la sua importanza ed il suo utilizzo, motivo per il quale anche la tua azienda è praticamente obbligata ad essere iscritta anche qui; ecco quindi quali sono gli errori da evitare e quali strategie devi adottare prima di approdare su Facebook.


Per prima cosa non devi confondere l'account personale con la pagina;"la pagina" è uno strumento creato appositamente da Facebook per farti gestire l'azienda ed ha notevoli vantaggi (numero di likes illimitati, contenuti che si indicizzano, statistiche, etc...) ma oltre a questo se utilizzi un account personale invece di una pagina, Facebook può cancellarlo e tutti gli sforzi fatti diventano inutili.
Una volta creata la pagina devi tenere a mente la prima regola: non devi bombardare le persone pubblicizzando i tuoi prodotti,anzi Facebook deve essere una risorsa che ha lo scopo principale di dare ai tuoi fan risorse utili: post dal contenuto interessante; adesempio se hai un negozio di abbigliamento parla della tendenza del momento, suggerisci come vestirsi, la funzionalità di un abito... se sei un elettricista dai consigli su come far risparmiare sulla bolletta, su quali sono gli interruttori belli e funzionali... i likes sono il risultato di contenuti interessanti. Una volta ottenuto l'interesse da parte degli utenti considera che in media 1 post ogni 10 può pubblicizzare un tuo prodotto o una tua offerta.
Altra regola importante: non devi ottenere likes indiscriminati! Meglio che hai pochissimi likes di persone seriamente interessate ai tuoi prodotti/servizi piuttosto che avere migliaia di likes di persone che poi in realtà non interagisco con i tuoi post. Facebook su questo può esserti molto utile; al momento di fare pubblicità puoi infatti decidere a che tipo di persone deve essere rivolta la tua pagina (in base ad interessi, età, città...). Una volta catturato l'interesse delle persone giuste, saranno proprio loro la tua prima fonte pubblicitaria (tramite le condivisioni e likes).
Le pubblicazioni dei post devono essere periodicamente rispettate, se in 10 giorni pubblicizzi due post, rispetta la frequenza di pubblicazione, poiché le persone che ti seguono vogliono vedere i tuoi contenuti aggiornati, se non sono soddisfatte non ti seguiranno più.
In seguito puoi seguire l'insights, ovvero le statistiche su tutti i tuoi post e le tue pubblicità; qui puoi vedere da quali zone provengono i tuoi likes, qual è la fascia media di età... e molti altri dati interessanti ed importanti per fare sempre meglio.
Devi monitorare le pagine che hanno fatto successo nel tuo stesso campo e vedere come si comportano, sono un'utilissima fonte di ispirazione. una volta ottenuti molti likes puoi creare dei gruppi solo per gli utenti più fedeli e da cui hai riscosso più successo.
Su Facebook inoltre è possibile creare e condividere video: un buon video racconta una storia e crea emozioni, il prodotto deve essere una sorta di sfondo e non deve rappresentare il tema principale; se ad esempio vuoi pubblicizzare il tuo servizio di catering racconta la storia d'amore dei due sposi e solo alla fine inserisci il tuo brand. Ricorda inoltre che nei primi 5 secondi l'utente decide se continuare/non continuare a vedere il video; è bene quindi stimolare fin da subito forte curiosità.

CONCLUSIONI

In conclusione anche Facebook si adatta al web 2.0 in cui i veri contenuti e il rispetto verso l'utente hanno la meglio.

Commenti

Post popolari in questo blog

Siti Web Presentativi/Vetrina E Strategie

Ti contatta un nuovo cliente e vuole un sito web in grado di generargli nuovi contatti. Ora, esistono molti corsi in grado di affrontare questo discorso ma ho elencato una lista di punti che secondo me sono fondamentali per una buona riuscita in questo intento:


Fattori SEO Onpage: Sono tutti quei fattori che bisogna applicare al sito - su questo argomento puoi trovare migliaia di libri, ma in aggiunta alle classiche "formule" che trovi ti suggerisco di stare attento anche ad alcune caratteristiche che non tutti rispettano sempre:
Le immagini - Il peso delle immagini sono determinanti per i tempi di apertura di un sito, spesso vedo questo errore: l'immagine è più larga del dovuto; una volta ridimensionata correttamente alle dimensioni del contenitore è bene ottimizzarla per il web, uno strumento che trovo utile è http://optimizilla.com/it/sfrutta le long tail - se il tuo cliente presenta dei prodotti sfrutta le parole a corrispondenza lunga poiché hanno più probabilità di e…

Vuoi Fare Un E-Commerce? Ripensaci!

Il 90% degli e-commerce sono destinati al fallimento. Spendono soldi senza mai ottenere nulla. Ecco alcuni consigli e quali sono le due componenti fondamentali.

"Apro il sito web e vendo", questa è la politica dell'imprenditore, personalmente mi viene da ridere quando sento questa affermazione... .

Premessa: la maggior parte delle attività sono piccole-medie imprese, questo articolo non è rivolto alle grandi aziende, in pratica non parlo di "Vodafone" , "Zalando", "Euronics"... sto parlando della realtà: il piccolo medio-commerciante che vuole entrare nel mondo online e vendere.

Ecco qui che allora subentra la prima regola: la FATTIBILITÀ'.
E' uno dei fattori determinanti: a moltissimi commercianti che mi chiedono di realizzare un e-commerce, faccio cambiare idea proprio per questo motivo e gli esclamo "Hai molta voglia di buttare soldi e tempo...". In pratica non avere fattibilità significa non avere la possibilità di ess…

Tengo Solo Facebook! - Facebook VS Siti Web

Questi giorni mi è capitato un cliente che ha un negozio di calzature, intenzionato a realizzare un E-Commerce, a seguito di uno studio di fattibilità gli ho espressamente sconsigliato la realizzazione di un E-Shop ma gli ho presentato la possibilità di realizzare un sito web condatabase "base" che possa fare aumentare il fatturato del suo negozio fisico. (Io e i miei colleghi della Stefanelli Web, l'abbiamo chiamato "Simular E-Commerce"). Attualmente la sua intenzione è quella di mantenere e gestire solo la pagina Facebook, effettivamente come dargli torto: è gratis, è usato da milioni di persone e per di più ottiene sempre dei riscontri; ma allora perché sbaglia a non spendere soldi per un costoso sito web?
Premessa: secondo fonti accreditate in media ogni uomo compra 2,3 paia di scarpe all'anno e la donna 3; questo negozio potenzialmente copre circa 20.000 abitanti. Un potenziale di 275 vendite giornaliere (oltre a quelle che già effettua).
Un esempio concr…