Passa ai contenuti principali

Gli Errori Che Non Devi Commettere In Adwords

Adwords è uno strumento potentissimo, può farti raggiungere persone in tutto il mondo appena metti online il tuo sito web; ma ci sono delle insidie a cui devi porre attenzione; la prima in assoluto è quello di non dare ascolto ai suoi rappresentanti. Infatti non appena apri un nuovo account riceverai una chiamata da un rappresentante che ti vuole "aiutare" nella gestione del tuo account Adwords: molto difficilmente questa persona riuscirà a farti ottenere un rendimento - su un libro molto famoso è riportato testualmente questo paragrafo "Non sono pochissimi quelli che mi hanno indicato quale disastro si sia rivelata questa scelta".
Questo per un semplice motivo: questi rappresentanti non seguono il tuo sito, non apportano aggiornamenti al tuo codice sorgente, il loro unico scopo è quello di farti spendere il più possibile ogni giorno e spesso si approfittano della tua eventuale inesperienza nel campo; invece Adwords è uno strumento potente quanto semplice da utilizzare!
Una volta aperto l'account e impostata una campagna iniziale; il primo pensiero è quello di arrivare in prima posizione: tieni presente che all'inizio è meglio evitarla! Stare in prima posizione non sempre genera un buon traffico in ingresso - infatti un utente che ha cliccato su un annuncio che è in prima posizione probabilmente non ha nemmeno letto il testo ed è un cosiddetto "happy click" con la conseguenza che probabilmente entra nel sito e contribuisce solo a peggiorare le statistiche.
Altro problema comune è quello di linkare tutti gli annunci alla home page del sito; in realtà ad ogni annuncio deve essere dedicata una pagina del proprio sito: se vendi abiti e fai un annuncio sugli abiti eleganti, l'utente che clicca su questo annuncio deve finire sulla categoria "abiti eleganti" e non sulla home page del tuo sito; così la stessa cosa vale anche se offri servizi: l'eventuale utente deve finire sulla pagina specifica, questo inoltre ti aiuterà a raggiungere un buon voto.
Ma soprattutto l'errore che più fa rimettere soldi è quello di usare frasi generiche: se vendi abiti e fai un annuncio con la parola chiave "abiti" ti potrebbero capitare utenti che nella ricerca di Google hanno scritto:
  • "dove posso comprare abiti usati"
  • "prodotto per pulire i miei abiti"
  • "dove posso buttare abiti?"
Ovviamente non è tuo interesse far entrare questo tipo di utenti; ma nel frattempo loro cliccano sul tuo annuncio, ti fanno spendere soldi e una volta entrati nel sito probabilmente usciranno subito poiché non sono interessati.
Quindi ricapitolando questi sono gli errori più comuni che devi evitare:
  • Non spendere soldi per stare in prima posizione
  • Non linkare tutti gli annunci alla home page del tuo sito
  • Come keywords evita parole generiche
Questi banali punti ti faranno risparmiare tempo e soldi!

Commenti

Post popolari in questo blog

Siti Web Presentativi/Vetrina E Strategie

Ti contatta un nuovo cliente e vuole un sito web in grado di generargli nuovi contatti. Ora, esistono molti corsi in grado di affrontare questo discorso ma ho elencato una lista di punti che secondo me sono fondamentali per una buona riuscita in questo intento:


Fattori SEO Onpage: Sono tutti quei fattori che bisogna applicare al sito - su questo argomento puoi trovare migliaia di libri, ma in aggiunta alle classiche "formule" che trovi ti suggerisco di stare attento anche ad alcune caratteristiche che non tutti rispettano sempre:
Le immagini - Il peso delle immagini sono determinanti per i tempi di apertura di un sito, spesso vedo questo errore: l'immagine è più larga del dovuto; una volta ridimensionata correttamente alle dimensioni del contenitore è bene ottimizzarla per il web, uno strumento che trovo utile è http://optimizilla.com/it/sfrutta le long tail - se il tuo cliente presenta dei prodotti sfrutta le parole a corrispondenza lunga poiché hanno più probabilità di e…

Vuoi Fare Un E-Commerce? Ripensaci!

Il 90% degli e-commerce sono destinati al fallimento. Spendono soldi senza mai ottenere nulla. Ecco alcuni consigli e quali sono le due componenti fondamentali.

"Apro il sito web e vendo", questa è la politica dell'imprenditore, personalmente mi viene da ridere quando sento questa affermazione... .

Premessa: la maggior parte delle attività sono piccole-medie imprese, questo articolo non è rivolto alle grandi aziende, in pratica non parlo di "Vodafone" , "Zalando", "Euronics"... sto parlando della realtà: il piccolo medio-commerciante che vuole entrare nel mondo online e vendere.

Ecco qui che allora subentra la prima regola: la FATTIBILITÀ'.
E' uno dei fattori determinanti: a moltissimi commercianti che mi chiedono di realizzare un e-commerce, faccio cambiare idea proprio per questo motivo e gli esclamo "Hai molta voglia di buttare soldi e tempo...". In pratica non avere fattibilità significa non avere la possibilità di ess…

Tengo Solo Facebook! - Facebook VS Siti Web

Questi giorni mi è capitato un cliente che ha un negozio di calzature, intenzionato a realizzare un E-Commerce, a seguito di uno studio di fattibilità gli ho espressamente sconsigliato la realizzazione di un E-Shop ma gli ho presentato la possibilità di realizzare un sito web condatabase "base" che possa fare aumentare il fatturato del suo negozio fisico. (Io e i miei colleghi della Stefanelli Web, l'abbiamo chiamato "Simular E-Commerce"). Attualmente la sua intenzione è quella di mantenere e gestire solo la pagina Facebook, effettivamente come dargli torto: è gratis, è usato da milioni di persone e per di più ottiene sempre dei riscontri; ma allora perché sbaglia a non spendere soldi per un costoso sito web?
Premessa: secondo fonti accreditate in media ogni uomo compra 2,3 paia di scarpe all'anno e la donna 3; questo negozio potenzialmente copre circa 20.000 abitanti. Un potenziale di 275 vendite giornaliere (oltre a quelle che già effettua).
Un esempio concr…